Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Prelazione agraria e disapplicazione dell'aggiudicazione

Condividi
Seguici

In caso di conflitto tra più proprietari coltivatori diretti confinanti che esercitino la prelazione d'acquisto rispetto a un medesimo fondo, spetta al giudice accordare prevalenza all'uno o all'altro dei prelazionari alla stregua della maggiore o minore attitudine a concretare la finalità perseguita dall'art. 7, c. 2 della l. 14 agosto 1971, n. 817 e cioè l'ampliamento delle dimensioni territoriali dell'azienda diretto-coltivatrice che meglio realizzi le esigenze di ricomposizione fondiaria, di sviluppo aziendale e di costituzione di unità produttive efficienti sotto il profilo tecnico ed economico.
In base a tale principio, deve pertanto essere disapplicato l'atto del comune che tra più prelazionari partecipanti alla gara aggiudichi il bene al maggior offerente.
Leggi il provvedimento
(27/04/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il contratto di comodato - guida con fac-simile
» Il licenziamento orale
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente

Newsletter f t in Rss