Lo scorso 20 marzo è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 66, il dl. n. 24 che definisce misure comuni per l'esecuzione di espulsioni per via aerea di stranieri destinati a Paesi terzi che, in assenza di voli diretti, debbano effettuare transito in aeroporti situati in un altro Stato membro dell'Unione. Nel provvedimento è stato stabilito che in conformità alle convenzioni internazionali il transito per via aerea non è richiesto né autorizzato se il cittadino espulso corre il rischio di subire nel Paese di destinazione o di transito trattamenti inumani, torture o pena di morte, ovvero rischia la vita o la libertà a causa della razza, religione, nazionalità, etnia o convinzioni politiche. Il decreto prevede inoltre la comunicazione preventiva delle coordinate di viaggio allo Stato membro destinatario della richiesta e i casi in cui il transito può essere rifiutato.
Condividi
Feedback

(01/04/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto