Sei in: Home » Articoli

Trasferimento del lavoratore reintegrato giudizialmente

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con sentenza n. 14142 dello scorso 2 ottobre, ha affermato che il lavoratore reintegrato giudizialmente nel posto di lavoro a seguito di illegittimo licenziamento non pu˛ essere trasferito ad altra unitÓ produttiva, a meno che non sussistano sufficienti ragioni tecniche, organizzative e produttive che giustifichino tale scelta da parte del datore di lavoro. Tra queste ragioni, precisa la Corte, non rientra il fatto che il lavoratore, dopo il licenziamento, sia stato sostituito con un altro lavoratore avente le sue stesse mansioni.
(16/10/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE