Sei in: Home » Articoli

Consiglio di Stato: l'impiegato in disponibilita' conserva il diritto allo stipendio

L'impiegato in disponibilità, sebbene esonerato dal servizio, conserva il diritto allo stipendio. Non osta al riconoscimento di tale diritto il principio generale secondo il quale, essendo quel diritto legato dal nesso sinallagmatico con il diritto del datore di lavoro di pretendere la prestazione lavorativa, mancando questa non sorgerebbe neppure il primo. Dalla parte del dipendente, invero, il contenuto tipico del rapporto di lavoro subordinato si concretizza nel dovere di porre ad esclusiva disposizione del datore di lavoro la propria attività lavorativa, oltre agli altri doveri nascenti dal rapporto contrattuale.
Il sinallagma che giustifica la retribuzione, pertanto, sussiste anche quando, pur avendo il lavoratore messo a disposizione dell'Amministrazione la sua attività lavorativa, quella non se ne sia avvalsa ovvero, secondo altra formulazione dello stesso principio, se la mancata prestazione lavorativa è imputabile all'Amministrazione, spetta comunque al dipendente il trattamento retributivo (Consiglio di Stato, Decisione 7 ottobre 2002, n. 5273).
Leggi il provvedimento su www.filodiritto.com
(11/10/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» La sospensione condizionale della pena
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni

Newsletter f g+ t in Rss