Sei in: Home » Articoli

Efficienza energetica e eco industria: il nuovo piano

E' stato presentato al Governo il nuovo piano sull'efficienza energetica, sulle rinnovabili e sull'eco industria. Il nuovo progetto (che si propone di risparmiare energia e puntare sulle fonti rinnovabili), agisce su due fronti di lavoro: uno sulla domanda e uno sull'offerta. Per il primo (domanda), è stata prevista l'operatività dei benefici previsti dalla finanziaria 2007, con l'emanazione dei decreti attuativi su riqualificazione degli edifici; efficienza nell'industria; mobilità sostenibile; incentivi al sistema agroenergetico; fondo di Kyoto. Il pacchetto prevede anche incentivi al fotovoltaico; potenziamento dei certificati bianchi; revisione del meccanismo di incentivazione delle fonti rinnovabili; incentivazione della cogenerazione ad alto rendimento; impulso alla bio-edilizia.
Sul fronte dell'offerta invece il nuovo progetto punta allo sviluppo di una eco industria italiana. Il Governo finanzierà quindi progetti industriali presentati dalle imprese per realizzare investimenti industriali nel settore delle energie rinnovabili, investimenti volti alla riqualificazione di comparti industriali esistenti verso la fornitura di nuovi prodotti a basso impatto ambientale e capaci di consentire un risparmio di energia e investimenti industriali che innovano i processi produttivi in modo da ridurre l'intensità energetica delle lavorazioni.
(21/02/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF