Sei in: Home » Articoli

Danni causati da animali selvatici

La terza sezione civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 13907 del 24/09/2002) ha stabilito che per i danni causati da animali selvatici a persone o cose è responsabile la Regione nelle sole ipotesi in cui il risarcimento per gli stessi danni non sia previsto da norme speciali. I Giudici, hanno sottolineato di essere giunti a tale decisione perchè le Regioni, in base al disposto di cui alla L. 157/1992 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio” sono obbligate ad adottare tutte le misure idonee al fine di gestire, tutelare e controllare la fauna selvatica, mentre alle Provincie spettano, in base alla L. 142/90, solo funzioni amministrative limitate alla caccia e alla protezione della fauna. La Corte ha quindi osservato che, sulla base di tali considerazioni, la Regione “è responsabile ex art. 2043 cod. civ. dei danni provocati da animali selvatici a persone o a cose, il cui risarcimento non sia previsto da specifiche norme” a prescindere dal fatto che la fauna rientri nel patrimonio indisponibile dello Stato.
(08/10/2002 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» Reversibilità alla moglie anche senza mantenimento
» Condominio: il convegno di StudioCataldi.it a Roma
» Divorzio: niente assegno all'ex moglie scansafatiche
» Reddito di cittadinanza, "nuove strette anti furbetti"
» Processo civile telematico: nulle le notifiche all'indirizzo Ini-Pec?
Newsletter f t in Rss