Sei in: Home » Articoli

Cassazione: anche l'indennizzo è suscettibile di rivalutazione monetaria

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 395/2007) ha stabilito che “in tema di assicurazione contro i danni, nel cui ambito deve essere ricondotta l'assicurazione contro gli infortuni, il debito di indennizzo dell'assicuratore, ancorché venga convenzionalmente contenuto, nella sua espressione monetaria, nei limiti di un massimale, configura debito di valore, non di valuta, in quanto assolve una funzione reintegrativa della perdita subita dal patrimonio dell'assicurato, e, pertanto, è suscettibile di automatico adeguamento alla stregua della sopravvenuta svalutazione della moneta”. I Giudici di Piazza Cavour hanno quindi precisato che “la previsione di un massimale come limite della responsabilità dell'assicuratore à inidonea a trasformare l'obbligazione di risarcimento del danno in quella di pagamento di una somma determinata”.
Leggi la motivazione della sentenza
(12/02/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss