Sei in: Home » Articoli

Niente più scritte "lights" sui pacchetti delle sigarette

L’Antitrust, intervenendo su una denuncia dell’associazione dei consumatori, ha stabilito che è pubblicità ingannevole la dicitura “Lights” sui pacchetti delle sigarette e, più in particolare, su quelle delle Marlboro Lights della Philip Morris. Nella motivazione è stato evidenziato come tale scritta porterebbe "a ritenere erroneamente di trovarsi di fronte ad un prodotto meno pericoloso e nocivo per la salute rispetto alle sigarette cosiddette normali". La Commissione sottolinea di essere giunta a tale decisione sia da un sondaggio effettuato, dal quale è evidenziato come una parte considerevole del campione intervistato associa alla parola "light" una valenza di minore pericolosità del prodotto per la salute, sia dai risultati del dibattito e della ricerca scientifica.
Dalla loro valutazione, infatti, è emerso che le sigarette cosiddette "leggere" non sono in realtà meno pericolose di quelle cd. normali. La decisione è stata adottata anche in linea con la direttiva comunitaria 2001/37/CE che fissa il termine del 30/09/2003, a partire dal quale debbono essere eliminate dai pacchetti delle sigarette le diciture lights, mild e simili, proprio perché considerati modi di dire potenzialmente ingannevoli per i fumatori.
(01/10/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Anas cerca avvocati penalisti
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss