Sei in: Home » Articoli

Non costituisce truffa ai danni dell'erario la contraffazione del certificato assicurativo.

(Cassazione penale, sez. II, 03 ottobre 2006, n. 34179)
La sez. II della Suprema Corte, ponendosi in contrasto con una risalente sentenza delle SS. UU. del 1986, ha ritenuto che la condotta di chi appone sul parabbrezza della propria autovettura un certificato assicurativo falso non integra il tentativo di truffa. Tale decisione si fonda su un duplice ordine di motivi. Innanzitutto manca l'elemento del danno patrimoniale in quanto la condotta non implica lo spostamento di risorse economiche in favore dell'autore della stessa il quale mira solamente a sottrarsi a sanzioni amministrative. In secondo luogo mancano i tre momenti di cui si compone il reato che, dottrina e giurisprudenza, riconoscono nella produzione ....leggi tutto....
Consulenza legale online su MioLegale.it
(15/01/2007 - Miolegale.it)
Le più lette:
» Il modello per la comparsa conclusionale
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» I tagli alla pensione di reversibilità
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Regime probatorio: cosa cambia con la legge concorrenza
In evidenza oggi
Cassazione: niente usura sopravvenutaCassazione: niente usura sopravvenuta
Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tantoAffido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF