Sei in: Home » Articoli

Eutanasia: Camera, no a indagine conoscitiva ma la via audizioni

Condividi
Seguici

Non ci sara' un'indagine conoscitiva sul fenomeno dell'eutanasia clandestina. Al via invece, da meta' gennaio, una serie di audizioni in Commissione Affari Sociali e Giustizia della Camera sul tema della tutela della dignita' delle cure per i malati terminali, oltre che sullo scottante capitolo dell'eutanasia. A questa decisione sono approdati i componenti degli uffici di presidenza delle due Commissioni di Montecitorio, riuniti oggi in seduta comune. Le audizioni - che coinvolgeranno, tra l'altro, medici e associazioni di malati - partiranno attorno alla meta' di gennaio. In una prima bozza dell'elenco degli esperti che verranno sentiti dalle due Commissioni, figurano Francesco Paolo Casavola, presidente del Cnb; Cinzia Caporale, presidente del Comitato intergovernativo di bioetica dell'Unesco e docente di bioetica presso l'Universita' di Siena; Francesco D'Agostino, presidente emerito del Cnb; Franco Cuccurullo, presidente del Consiglio superiore di sanita'; Enrico Garaci, presidente dell'Istituto superiore di sanita'; Amedeo Bianco, presidente della Federazione nazionale ordini medici chirurghi e odontoiatri; Giovanni Conso, professore emerito di diritto penale presso l'Universita' La Sapienza di Roma; Stefano Rodota', docente di diritto civile presso l'Universita' La Sapienza di Roma; Giovanni Reale docente di Storia della filosofia antica e medievale Universita' Vita-Salute San Raffaele, Milano; Emanuele Severino, professore emerito di filosofia teoretica presso l'Universita' degli studi di Venezia.
Tra le Organizzazioni internazionali: il Comitato inter-agenzie per la bioetica delle Nazioni Unite ; il Consiglio etico dell'Organizzazione mondiale della sanita'; il Comitato di lavoro sulla bioetica del Consiglio d'Europa. L'elenco, fanno tuttavia sapere dalla Camera, e' ancora aperto per recepire nuove proposte.
(12/01/2007 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Figli, il mantenimento non è per sempre
» Stalking: carcere anche se la vittima vuole riprendere la relazione
» La recidiva
» La particolare tenuit del fatto
» Il permesso di soggiorno

Newsletter f t in Rss