Sei in: Home » Articoli

Pubbliche osservazioni che superano il diritto di critica provocano il licenziamento

Esprimere le proprie opinioni innanzi al consiglio di classe può davvero costare caro specialmente se le affermazioni pubblicamente enunciate superano il normale diritto di critica. E' quanto stabilito dalla Cassazione, sezione Lavoro nella sentenza n° 23726 che testualmente recita... omissis ... Per quanto ancora interessa ai fini di questo giudizio, vale a dire la legittimità del licenziamento, il giudice d'appello riteneva che il comportamento complessivo tenuto dalla dipendente in occasione dell'affidamento di un nuovo incarico di insegnamento di informatica ed, in particolare, le dichiarazioni che aveva fatte pubblicamente al consiglio di classe, avessero superato i limiti del diritto di critica e sconfinassero nell'area dell'illecito comportando la denigrazione dell'istituzione da cui dipendeva.
Da qui è scattato il provvedimento disciplinare ed il conseguente licenziamento ritenuto peraltro legittimo dal collegio giudicante in questa fase di giudizio. (Nota di Giovanni Dami). Si ringrazia Eius. LaPrevidenza.it,
Cassazione, Sez.Lavoro, Sentenza 7.11.2006, n. 23726 - Giovanni Dami
(22/12/2006 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Decreto ingiuntivo: nell'opposizione non si può contestare l'appartenenza al condominio
» Avvocati: perché portano la toga nera?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss