Sei in: Home » Articoli

Introduzione del giudizio: citazione o ricorso?

Condividi
Seguici

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione, con sentenza n. 10143/02, ha stabilito che quando la legge prevede l’introduzione del giudizio con citazione anziché con ricorso e l'adozione del rito ordinario anziché quello camerale, l’erronea introduzione della causa con ricorso e il suo svolgimento col rito camerale non comportano la invalidità del giudizio stesso, per il principio della conversione degli atti nulli che abbiano raggiunto il loro scopo. A tal fine è necessario però che dall'erronea inversione non sia derivato un pregiudizio per le parti in relazione al rispetto del principio del contraddittorio, all'acquisizione delle prove e, più in generale, a quant'altro possa aver impedito o ridotto la libertà di difesa previsto nel giudizio ordinario.
(25/09/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss