Sei in: Home » Articoli

Assegnazione della casa coniugale e usufrutto

In sede di separazione dei coniugi, la casa coniugale della quale il marito è nudo proprietario con usufrutto a favore dei genitori di lui i quali l'avevano concessa in comodato al nucleo familiare, non può essere assegnata alla madre affidataria, se l'immobile non costituisce più la casa familiare per precedente abbandono da parte della moglie e delle figlie.
L'utilizzazione della casa da parte del marito può esser valutata come fattore economico compensativo nella corresponsione dell'assegno di mantenimento.

Vedi anche: Usufrutto: nozione e caratteri distintivi
Leggi il provvedimento
(27/11/2006 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» La compensazione delle spese offende la professione forense
» Separazione: quando e come va ascoltato il figlio under12
» La madre perde la figlia se sussistono gli 8 sintomi dell'alienazione parentale
» Infiltrazioni d'acqua: il condominio non ่ responsabile
» Ddl Mobbing: 4 anni di carcere e multe fino a 100mila euro
Newsletter f t in Rss