Sei in: Home » Articoli

Cassazione: pubblico ufficiale arrogante? Non sempre la resistenza è reato

Condividi
Seguici

La Sesta Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 36009/2006) ha stabilito che non integra il reato di resistenza a pubblico ufficiale il comportamento dell'utente che reagisce al comportamento arrogante di un pubblico ufficiale. I Giudici di Piazza Cavour hanno infatti precisato che "l'atteggiamento sconveniente e prepotente non può essere consentito al pubblico ufficiale e in esso deve essere individuato il consapevole travalicamento dei limiti e delle modalità entro cui le funzioni pubbliche devono essere esercitate, con l'effetto che la reazione immediata del privato a tale atteggiamento rende inapplicabile la norma incriminatrice di cui all'articolo 337 c.p. e ciò ai sensi dell'articolo 4 del D.Lgs 288/44".
Leggi la sentenza
(23/11/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati
» Arriva l'avvocato istruttore
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss