In tema di attribuzione dell'assegno divorzile l'entità del patrimonio familiare degli ex coniugi non costituisce un parametro di riferimento ai fini dell'importo dell'assegno medesimo. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 11.10.2006 n° 21805 che testualmente recita .. "Del tutto irrilevante, poi, e privo di pregio è il secondo profilo di detto primo motivo: non esiste alcuna norma, né tanto meno alcun favorevole orientamento giurisprudenziale in proposito, che preveda, ai fini della determinazione dell'importo dell'assegno divorzile, quale ulteriore parametro di riferimento quello del rapporto tra i patrimoni delle famiglie di appartenenza degli ex coniugi; in particolare è da rilevare che l'art. 5, comma 6, della l. 898/1970 prevede esplicitamente che l'assegno in questione debba essere disposto, tra gli altri criteri, "tenuto conto delle condizioni dei coniugi e del reddito di entrambi". (Giovanni Dami)
Cassazione, Sez. I^ civile, Sentenza 11.10.2006, n° 21805
Vedi anche:
L'assegno di mantenimento: guida legale e raccolta di articoli
Condividi
Feedback

(25/11/2006 - Laprevidenza.it)

Link correlati:
http://www.laprevidenza.it

In evidenza oggi:
» Coronavirus: stop agli incontri tra padre e figlio residenti in comuni diversi
» Sospensione del mutuo: ecco il modello