La Seconda Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 12956/2006) ha stabilito che il condomino può chiedere il risarcimento del danno per insufficiente erogazione di calore nell'appartamento in caso di colpevole omissione del condominio stesso di provvedere all'adeguamento e alla riparazione dell'impianto centralizzato di riscaldamento. I Giudici di Piazza Cavour hanno però precisato che spetta solo il risarcimento del danno subito ma non anche la restituzione dei contributi versati dal singolo condomino per il godimento del servizio fornito in precedenza anche se entro determinati limiti.
Leggi la motivazione della sentenza
Condividi
Feedback

(22/11/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto