Sei in: Home » Articoli

Quando la firma sull'assegno è falsa!

Con Sentenza 12471 del 12 ottobre 2001 la Corte di Cassazione ha affermato la responsabilità della Banca che paghi un assegno recante una firma di traenza palesemente difforme da quella depositata dal correntista. Tuttavia, precisa la Corte, l?azione risarcitoria resta regolata dalle norme generali in tema di onere della prova e, pertanto, incombe sull?attore l?onere di dimostrare la falsità della firma (ove sia contestata) chiedendo eventualmente una consulenza tecnica d'ufficio. L?Istituto Bancario dal canto suo può dimostrare l?efficacia liberatoria del pagamento se da la prova che la falsità non era rilevabile con l'ordinaria diligenza richiesta nell'esercizio dell'attività bancaria.
(08/11/2001 - Avv.Francesca Romanelli)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF