Il decreto legislativo n. 122 del 2005 , all’art. 1 lett. d), individua, innanzitutto, cosa debba intendersi con l’espressione “immobili da costruire” (1), individuandoli in beni per i quali sia già stato richiesto il permesso di costruire; che siano ancora da edificare oppure la cui costruzione non risulti essere ultimata, versando in stato tale da non consentire ancora il rilascio del certificato di agibilità.
Leggi l'articolo completo su www.lapraticaforense.it
Condividi
Feedback

(23/10/2006 - Lapraticaforense.it)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto