Sei in: Home » Articoli

Cassazione: non sempre è violenza sessuale se all'inizio c'è il consenso

Condividi
Seguici

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 24061/2006) in merito alla questione degli stupri, ha stabilito che non sempre c'è violenza sessuale se la vittima ha inizialmente accettato il rapporto. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che un rapporto iniziato di comune accordo non può diventare consapevolmente coercitivo per una delle due parti in un momento dell’esecuzione. In particolare, nel caso di specie, i Giudici hanno osservato che poiché la ragazza si voleva tirare indietro solo nel momento in cui aveva iniziato a sentire dei dolori, la Corte ha rilevato che si sarebbe potuto trattare di una riserva mentale e, in questo caso,"l'imputato, che agiva nella certezza di avere un rapporto consentito, poteva non avere percepito quel disagio che la ragazza avrebbe successivamente manifestato". Con questa decisione la Corte ha annullato la condanna inflitta (in entrambi i gradi del giudizio) a un giovane accusato di violenza.
Leggi la motivazione della sentenza
(14/09/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Danno biologico: aggiornate le tabelle del Tribunale di Roma
» Violenza donne: Codice Rosso è legge
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss