Il diritto alla pensione di reversibilità (quale orfano) non viene meno in presenza del superamento dei limiti di reddito previsti dalla legge ma provoca soltanto la sospensione del beneficio. La pensione potrà sempre essere attribuita qualora “lo stato di bisogno abbia a ripresentarsi”. In altri termini il superamento dei limiti di reddito per un solo anno non provoca la perdita definitiva del diritto a pensione. (Giovanni Dami) LaPrevidenza.it, 20/07/2006
Corte dei Conti, Sez. III^ Appello, Sentenza 7.12.2005 n° 751
Condividi
Feedback

(30/08/2006 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi:
» Coronavirus, udienze da remoto: le linee guida del Csm
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto