Sei in: Home » Articoli

Condanna generica al Risarcimento del danno: il giudizio di liquidazione

Condividi
Seguici

La condanna generica al risarcimento del danno integra soltanto un accertamento della potenziale idoneità alla produzione di conseguenze pregiudizievoli. Ne discende che nel giudizio di liquidazione devono essere accertati non solo la misura ma anche l'effettiva esistenza del danno. Lo ha stabilito la Terza sezione Civile della Corte di Cassazione (sentenza n.11651 del 3 agosto 2002) precisando che (al di fuori delle ipotesi in cui il giudice non si sia limitato ad accertare la sola potenzialità del danno ma ne abbia anche in concreto accertato l' esistenza) il giudicato formatosi sull' "an” non preclude in sede di determinazione del risarcimento il rigetto della domanda se si accerta l'insussistenza del danno.
(31/08/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Codice della strada: arriva la riforma
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss