Sei in: Home » Articoli

Il lavoro svolto dalla convivente more uxorio non riveste carattere di subordinazione

Condividi
Seguici

L’attività lavorativa che si svolga nell'ambito della convivenza more uxorio non e’ di norma riconducibile ad un rapporto di subordinazione onerosa e quindi assume pieno titolo di gratuità. Nel caso specifico è stato richiesto il compenso e l’inquadramento di legge per una tacita convivenza familiare di fatto riconducibile ad una impresa familiare e non, ad avviso del collegio giudicante ad un rapporto di subordinazione. LaPrevidenza.it, 11/07/2006
Cassazione Civile, Sezione Lavoro, Sentenza 15.3.2006 n. 5632
(18/07/2006 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi:
» Divorzio, sì all'assegno alla ex straniera
» Equa riparazione: compensi agli avvocati in base al DM 55/2014

Newsletter f t in Rss