Sei in: Home » Articoli

Casa coniugale assegnata alla moglie separata: il marito non può vendere

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione (sent. 11096/2002) hanno stabilito che il provvedimento con il quale in sede di separazione si decide in ordine all’assegnazione della casa coniugale a uno dei coniugi, impedisce all’altro coniuge la vendita dell'appartamento per almeno nove anni. Il provvedimento di assegnazione, infatti, come chiarisce la Corte, ha il valore di un atto che può essere trascritto presso la conservatoria dei registri immobiliari. I giudici di Piazza Cavour hanno voluto altresì precisare che la funzione del provvedimento di assegnazione della casa è anche quella di “evitare ai figli minorenni, o anche maggiorenni tuttora economicamente dipendenti non per propria colpa, l'ulteriore trauma di un allontanamento dall'abituale ambiente di vita e di aggregazione di sentimenti”.
(17/08/2002 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Danno biologico: le nuove tabelle di Roma sempre più lontane da quelle di Milano
» Un albero per ogni nato: sanzioni in arrivo per i comuni che non adempiono
» Il Codice della crisi e dell'insolvenza
» Addio definitivamente all'assegno di divorzio con la nuova convivenza
» Il mutuo condominiale
Newsletter f g+ t in Rss