Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'ambiente insalubre giustifica il rifiuto della prestazione lavorativa

E' lecito il rifiuto del lavoratore di continuare a svolgere la propria prestazione lavorativa in un ambiente oggettivamente insalubre e pericoloso. E' il principio enunciato dalla Corte di Cassazione nella recente Sentenza 11664/2006. Nel caso esaminato il datore di lavoro aveva contestato ad alcuni dipendenti un'infrazione disciplinare con sospensione cautelare dal lavoro per aver rifiutato di eseguire le proprie prestazioni lavorative a caua di una presunta insalubrità dell'ambiente . La Corte ha ritenuto legittimo e quindi insuscettibile di sanzione espulsiva il rifiuto dei lavoratori di continuare a lavorare nel locale "galvanica" poiché estremamente "pericoloso a causa di gas e vapori tossici tra i quali agenti notoriamente cancerogeni quali il cromo, senza idonea aspirazione, condiffusione di polveri in ambiente di altezza inferiore a tre metri e scadenti condizioni generali di pulizia".
(17/07/2006 - Silvia Vagnoni)
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss