Sei in: Home » Articoli

Datore di lavoro e prestatore di lavoro: diritti e doveri

La Corte di Cassazione con sentenza n.11181 del 29/7/2002 ha stabilito che non costituisce giusta causa di licenziamento il rifiuto del lavoratore di eseguire le proprie prestazioni, se tale rifiuto sia giustificato dallÂ’inadempimento del datore di lavoro. Devi quindi considerarsi legittimo il rifiuto di adempiere del lavoratore a fronte del mancato pagamento delle retribuzioni anche se ciò è dovuto a difficoltà economiche del datore di lavoro. Per rendere ingiustificato il rifiuto, secondo la Corte, non è sufficiente la semplice promessa, anche scritta, di pagamento se questa non è accompagnata da un offerta reale.
(14/08/2002 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Avvocati e privacy: basta una sola informativa
» Le norme anti-divano del reddito di cittadinanza
» La guida in stato di ebbrezza
» Cellulari: lo Stato deve informare sui rischi per la salute
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss