Sei in: Home » Articoli

Interessi e rivalutazione su debiti di valore

Condividi
Seguici

Il risarcimento del danno per inadempienze contrattuali non pecuniarie è compreso tra i debiti di valore e come tale soggetto al cumulo della rivalutazione monetaria e degli interessi legali.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sentenza n. 9517 del 1 luglio 2002) chiarendo, ancora una volta, che l’una e gli altri assolvono a due funzioni distinte: la prima (rivalutazione) è diretta al ripristino della situazione patrimoniale in cui il danneggiato si sarebbe trovato se non vi fosse stato inadempimento, i secondi (interessi) hanno semplicemente natura compensativa.
Ne discende che non vi è incompatibilità alcuna tra loro e che, pertanto, sulla somma rivalutata vanno corrisposti anche gli interessi “il cui calcolo va effettuato con riferimento ai singoli momenti in relazione ai quali la somma s'incrementa nominalmente, in base agli indici prescelti di rivalutazione monetaria ovvero ad un indice medio”.
(30/07/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Multe anche al conducente se il passeggero non mette il casco o la cintura
» Il padre mantiene la figlia avvocato non ancora autosufficiente
» Cassazione: sms e e-mail fanno piena prova in giudizio
» Decreto ingiuntivo senza giudice

Newsletter f t in Rss