Sei in: Home » Articoli

Accordi per uno stipendio pił basso - reato di estorsione

La Corte di Cassazione (sentenza n. 5426 del 2002) ha stabilito che l'aver concordato con il lavoratore uno stipendio pił basso e inadeguato rispetto alle ore di lavoro svolte integra gli estremi del reato di estorsione.
In tal caso, secondo la Corte, l?eventuale consenso del lavoratore diventa irrilevante.
L'accordo contrattuale tra il datore di lavoro e il lavoratore, infatti, come chiariscono i giudici della Corte, non vale ad escludere il reato di estorsione.
(30/07/2002 - Roberto Cataldi)
Le pił lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitą medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF