Sei in: Home » Articoli

Responsabilità di Asl e Comuni per aggressioni da cani randagi

Condividi
Seguici

La Corte di Cassazione (Sentenza del 20 luglio 2002, n. 10638) ha stabilito che le Asl e i Comuni sono tenuti in solido a risarcire il danno a quei cittadini che hanno subito aggresioni da cani randagi.
Questo perché, spiega la Corte, esiste un dovere di controllo sul "randagismo" che le Asl e i Comuni sono tenute a esercitare attraverso il servizio sanitario.
Nella fattispecie lÂ’amministrazione comunale aveva sostenuto che la responsabilità sarebbe dovuta ricadere solo sulla Asl, essendo questa territorialmente competente per la cattura degli animali randagi.
I giudici della Corte, però, hanno ritenuto che la responsabilità dei due enti sussiste in eguale misura giacchè se è vero che le Asl sono enti "dotati di autonomia amministrativa", i Comuni hanno pur sempre una specifica competenza a verificare "l'andamento generale dell'attività della Usl attraverso l'attività di vigilanza del sindaco".
(25/07/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss