Sei in: Home » Articoli

Omessa pronuncia in materia civile

Condividi
Seguici

Qualora il giudice civile abbia omesso di pronunciarsi su una delle domande la parte ha la facoltà non solo di far valere tale omissione in sede di gravame ma anche di rinunciare alla domanda per poi riproporla in autonomo giudizio. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione (Sentenza n.8327 dell’11 giugno 2002) precisando che detta rinuncia “costituisce espressione della facoltà della parte di modificare la domanda precedentemente formulata e si distingue sia dalla rinuncia agli atti del giudizio, che va espressa nelle forme di cui all'art. 306 c.p.c. e richiede l'accettazione della controparte, sia dalla disposizione negoziale del diritto controverso”.
(23/07/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss