Sei in: Home » Articoli

Codice beni culturali e paesaggistici

E' stato pubblicao sulla Gazzetta Ufficiale n. 25 del 31 gennaio 2006 il Codice dei beni culturali e del paesaggio. Il nuovo codice stabilisce che l'amministrazione competente al rilascio delle autorizzazioni per le opere da localizzarsi - tra l'altro su territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco -, dovrà utilizzare la relazione paesaggistica come base di riferimento essenziale per le valutazioni previste in materia di autorizzazione. Nel provvedimento sono definite le finalità, i criteri di redazione, i contenuti della relazione paesaggistica che correda - congiuntamente al progetto dell'intervento che si propone di realizzare ed alla relazione di progetto - l'istanza di autorizzazione paesaggistica.
La relazione paesaggistica dovrà dar conto sia dello stato dei luoghi prima dell'esecuzione delle opere previste, sia delle caratteristiche progettuali dell'intervento, e rappresentare, infine, nel modo più chiaro ed esaustivo possibile, lo stato dei luoghi dopo l'intervento. Con riferimento alle peculiarità dei valori paesaggistici da tutelare, le Regioni possono integrare i contenuti della relazione paesaggistica e, previo accordo con la direzione regionale del Ministero territorialmente competente, introdurre semplificazioni ai criteri di redazione e ai contenuti della relazione paesaggistica per le diverse tipologie di intervento.
(13/02/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF