Sei in: Home » Articoli

Anche il disoccupato che subisce infortunio va risarcito

Condividi
Seguici

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 26081/2005) ha stabilito che i disoccupati che subiscano dei danni a seguito di un infortunio hanno diritto ad essere risarciti alla pari dei soggetti che hanno un lavoro. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che “un danno patrimoniale risarcibile da riduzione della capacità di guadagno può essere legittimamente riconosciuto anche a favore di persona che, subita una lesione, si trovi al momento del sinistro senza una occupazione lavorativa e, perciò, senza reddito, in quanto, in tema di risarcimento del danno alla persona, la mancanza di un reddito all’epoca dell’infortunio può escludere il danno da invalidità temporanea, ma non anche il danno futuro collegato alla invalidità permanente che, proiettandosi per il futuro, verrà ad incidere sulla capacità di guadagno della vittima, al momento in cui questa inizierà un’attività remunerata”. Con questa decisione la Corte ha accolto il ricorso di un motociclista romano che, a causa di un sinistro, aveva riportato lesioni personali con una invalidità permanente del 25%.
Leggi la motivazione della sentenza
(19/01/2006 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Cassazione: la busta paga prova le ferie non godute
» Assegno di divorzio: conta anche l'addebito della crisi coniugale
» Fibromialgia: arriva l'invalidit
» Chi mantiene da solo il figlio ha diritto di regresso verso l'altro genitore
» Cinque modi per riconoscere un bravo avvocato

Newsletter f t in Rss