Sei in: Home » Articoli

Cassazione: niente assegno di mantenimento per il figlio maggiorenne con esperienza lavorativa

Condividi
Seguici

"Il mantenimento del figlio maggiorenne convivente è da escludere quando quest'ultimo, ancorché allo stato non autosufficiente economicamente, abbia in passato iniziato ad espletare un'attività lavorativa, così dimostrando il raggiungimento di una adeguata capacità e determinando la cessazione del corrispondente obbligo di mantenimento ad opera del genitore". E' quanto hanno rilevato di recente i giudici di legittimità (Sent. n. 26259/05) precisando che il verificarsi di alcune circostanze, come la negatività dell'andamento dell'attività commerciale dal figlio espletata, "se pur determinano l'effetto di renderlo privo di sostentamento economico, non possono far risorgere un obbligo di mantenimento i cui presupposti siano già venuti meno".
(10/01/2006 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Codice della strada: arriva la riforma
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss