Sei in: Home » Articoli

Telefonate dall’ufficio: quando si rischia il licenziamento

Condividi
Seguici

Utilizzare il telefono dell’ufficio per telefonate personali potrebbe “costare” molto caro. Se il datore di lavoro, infatti, ha messo a disposizione un telefono per lo svolgimento dell’attività lavorativa non si è per questo autorizzati a farne un uso improprio ed eccessivo per scopi strettamente personali. Lo ha precisato la Corte di Cassazione (Sentenza n.10062/2002), riconoscendo la legittimità del licenziamento disposto nei confronti di una dipendente che, incurante dei ripetuti inviti del datore di lavoro a non abusare del telefono dell’ufficio, aveva continuato indisturbata ad effettuare chiamate a parenti e amici. I Giudici di piazza Cavour hanno sottolineato come la legittimità del licenziamento non è data tanto dal danno patrimoniale prodotto al datore di lavoro, quanto dall’aver tradito la sua fiducia.
(15/07/2002 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Codice della strada: arriva la riforma
» Cassazione: il lavoratore non è obbligato a stimare l'azienda
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Appalto: le cause di estinzione
» La pensione minima

Newsletter f t in Rss