Sei in: Home » Articoli

Condanna della parte civile alle spese: si può sempre ricorrere in cassazione

Condividi
Seguici

Le Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione (Sent. n. 41476/2005) hanno stabilito che a norma dell'art. 568, comma 2 c.p.p., la parte civile ha sempre il diritto di ricorrere per cassazione contro il capo della sentenza che la condanna (ex art. 592 c.p.p.), al pagamento delle spese processuali anticipate dallo Stato. I Giudici di Piazza Cavour hanno inoltre precisato che "l'obbligo del giudice di condannare la parte civile al pagamento delle spese del processo nel caso di mancato accoglimento della impugnazione proposta dalla stessa parte civile contro la sentenza di assoluzione dell'imputato, sussiste anche quando analoga impugnazione sia proposta dal pubblico ministero".
Leggi la motivazione della sentenza
(09/12/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Codice della strada: arriva la riforma

Newsletter f t in Rss