Sei in: Home » Articoli

Via libera alle intercettazioni con il satellite

Condividi
Seguici

Con sentenza n.16130/2002, la Quinta Sezione Penale della Corte di Cassazione ha affermato che le intercettazioni effettuate con il sistema satellitare sono lecite e non richiedono alcuna autorizzazione da parte del magistrato. Secondo i Giudici della Suprema Corte, infatti, l’individuazione a distanza di una persona o di un oggetto in movimento, la sua presenza in un certo luogo o l'itinerario seguito costituiscono modalità di pedinamento che, pur essendo effettuate con mezzi altamente tecnologici, rientrano nell'ordinaria attività di controllo della polizia giudiziaria, e per questo non richiedono l'autorizzazione del Pubblico Ministero.
In buona sostanza, secondo la Corte queste attività non sono delle vere e proprie intercettazioni, le quali invece comportano una attività di captazione di comunicazioni tra due o più persone con la conseguente limitazione della libertà e della segretezza, richiedendo per questo motivo l'autorizzazione motivata da parte dell'autorità giudiziaria.
(09/07/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Il risarcimento del danno da diffamazione
» Concorsone per 4.900 posti nella PA: firmato il decreto
» Avvocati matrimonialisti: riforma assegno divorzio "rivoluzione copernicana"
» Appalto: le cause di estinzione

Newsletter f t in Rss