Sei in: Home » Articoli

Maggiori tutele per la dignità delle vittime di violenza sessuale

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter del 23 settembre 2005) ha reso noto di essere intervenuto su una questione relativa alla diffusione di dati relativi a una vittima di violenza sessuale. Nel provvedimento il Garante ha precisato che occorrono maggiori tutele per la dignità delle persone, soprattutto se vittime di violenza e, con un severo richiamo al rispetto della normativa italiana e comunitaria in materia di riservatezza e al codice deontologico dei giornalisti, l'Autorità ha vietato a un settimanale di pubblicare i dati identificativi di una giovane donna vittima di un tentativo di violenza sessuale. Infine, il Garante, ha ribadito che la pubblicazione delle informazioni (generalità e indirizzo) riconducibili alla vittima è illecita e che, nel caso di specie, la giornalista avrebbe dovuto garantire l'anonimato della donna, in considerazione della particolare natura delle informazioni diffuse, attinenti alla sfera sessuale e pertanto di natura sensibile. Non è risultato provato, infatti, che la giornalista avesse acquisito il consenso dell'interessata, previsto anche dal codice penale (art.734 bis), che punisce la divulgazione non consensuale delle generalità della vittima di violenza sessuale. Tali informazioni sono soggette ad una speciale tutela anche quando sono trattate nell?esercizio dell?attività giornalistica.
(12/10/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» RC Auto: al via gli sconti obbligatori
» In arrivo più ferie e ponti per tutti
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Resta aggiornato. Segui StudioCataldi su Telegram      SCOPRI DI PIU'
chiudi