Sei in: Home » Articoli

Invio di pubblicità per e-mail

Condividi
Seguici

Il Garante per la privacy (newsletter del 24 giugno 2002) ha stabilito che la sola presenza dell’indirizzo e-mail di una persona su un sito internet non autorizza le aziende ad utilizzarlo per inviare pubblicità. La presenza di indirizzi sui siti internet infatti, ha precisato il Garante, va collegata agli scopi per i quali questi indirizzi vengono resi noti e di conseguenza i dati posti a disposizione del pubblico per circoscritte finalità non sono liberamente utilizzabili per l’invio generalizzato di e-mail. Per poter procedere all’invio di messaggi pubblicitari all’indirizzo di posta elettronica pubblicato su internet, dunque, l’azienda interessata dovrà prima ottenere il consenso del destinatario.
In difetto, l’inoltro non autorizzato costituisce violazione della privacy.
(10/07/2002 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Avvocati: Cassa Forense non può pretendere i contributi oltre i 5 anni
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Google abbandona Huawei: addio ad Android?

Newsletter f t in Rss