Sei in: Home » Articoli

Il ristoratore non indica che il prodotto è congelato? Commettere reato di frode nell'esercizio commerciale

La Terza Sezione Penale della Corte di Cassazione (Sent. n. 24190/2005) ha stabilito che "quando l'alienante compie atti idonei diretti in modo non equivoco a consegnare all?acquirente una cosa per un'altra ovvero una cosa, per origine, qualità o quantità diversa da quella pattuita o dichiarata" integra la fattispecie di reato di tentativo di frode nell'esercizio del commercio, di cui agli artt. 56 e 515 c.p.. I Giudici hanno precisato che "il tentativo è configurabile anche quando è mancata l'esecuzione a condizione che gli atti preparatori siano idonei e diretti in modo non equivoco a commettere il delitto" e che "di conseguenza può costituire il tentativo di frode in commercio anche il semplice fatto di non indicare nella lista delle vivande poste sui tavoli di un ristorante che determinati prodotti sono congelati, giacchè il ristorante ha l'obbligo di dichiarare la qualità della merce offerta ai consumatori".
Leggi la motivazione della sentenza
(22/09/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» In vigore il reddito di inclusione: fino a 485 euro al mese
» Addio definitivo alla Siae
» Giardini e terrazzi privati: al via il bonus verde del 36%
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
In evidenza oggi
Mammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticketMammografia: entro 60 giorni o dal privato al costo del ticket
Responsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilità medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF