Sei in: Home » Articoli

Cassazione: Nonno muore in un incidente? Ai nipoti i danni morali

Ai nipoti che perdono i nonni in un incidente stradale spetta il risarcimento dei danni morali. Il riconoscimento, sancisce per la prima volta la Corte di Cassazione, spetta loro automaticamente, senza bisogno di dimostrare il "turbamento" derivato dalla perdita del proprio caro. Questo perchŔ, morendo un nonno, si perde "un punto di riferimento esistenziale" e si spezza "l'unitÓ familiare" con la conseguente "perdita di affetti e di solidarietÓ inerenti alla famiglia come societÓ naturale". La Suprema Corte, ribaltando il verdetto di secondo grado e contravvenendo alle richieste della pubblica accusa, ha cosý accolto il ricorso presentato dai nipoti di Alvaro G., nonno toscano deceduto dopo essere stato investito da un'auto, mettendo in evidenza come la perdita di un nonno, anche in assenza di coabitazione con i nipoti, "configura per i superstiti del nucleo familiare un danno non patrimoniale diretto e ingiusto, costituto dalla lesione di valori costituzionalmente protetti e di diritti umani inviolabili, perchŔ la perdita dell'unitÓ familiare Ŕ perdita di affetti e di solidarietÓ inerenti alla famiglia come societÓ naturale". Una precisazione, questa del pm milanese, fatta su richiesta del rappresentante dell'accusa , il sostituto pg della Cassazione Luigi Ciampoli, il quale alla luce della novitÓ emersa ha chiesto l'acquisizione del provvedimento di archiviazione e degli atti relativi al fascicolo in questione.
Richiesta in base alla quale ha sollecitato anche la sezione disciplinare del Csm a disporre il rinvio del 'processo' ai due pm milanesi per avere il tempo di esaminare le carte.
(04/09/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Decreto privacy in vigore: al via l'oblazione
» Esami avvocati: vecchie regole per altri 2 anni
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss