Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Determinazione dell'ammontare del danno nella responsabilitÓ precontrattuale

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 12313/2005) ha stabilito che "in tema di responsabilitÓ precontrattuale ex art. 1337 c.c., l'ammontare del danno va determinato tenendo conto della peculiaritÓ dell'illecito e delle caratteristiche della responsabilitÓ stessa, la quale, nel caso d'ingiustificato recesso dalle trattative, postula il coordinamento tra il principio secondo il quale il vincolo negoziale sorge solo con la stipulazione del contratto e l'altro secondo il quale le trattative debbono svolgersi correttamente". I Giudici di Piazza Cavour hanno precisato che "pertanto, non essendo stato stipulato il contratto e non essendovi stata la lesione dei diritti che dallo stesso sarebbero nati, non pu˛ essere dovuto un risarcimento equivalente a quello conseguente all'inadempimento contrattuale; mentre, essendosi verificata la lesione dell?interesse giuridico al corretto svolgimento delle trattative, il danno risarcibÝle Ŕ unicamente quello consistente nelle perdite che sono derivate dall?aver fatto affidamento nella conclusione del contratto e nei mancati guadagni verificatisi in conseguenza delle altre occasioni contrattuali perdute (cd. interesse negativo)".
Leggi la motivazione della sentenza
(12/07/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Terremoto: ecco cosa blocca la ricostruzione
» Reato per la madre che non fa vedere il figlio al padre
» La pensione di reversibilitÓ
» Ponte Morandi: si pu˛ revocare la concessione ad Autostrade?
» Partite Iva: rinviato il pagamento della doppia rata di agosto

Newsletter f g+ t in Rss