Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: Principio di legalità in materia disciplinare e Deliberazioni del Consiglio Nazionale Forense

Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione (Sentenza 03.05.2005 n. 9097) hanno stabilito che "le deliberazioni con le quali il Consiglio Nazionale Forense procede alla determinazione dei principi di deontologia professionale e delle ipotesi di violazione degli stessi costituiscono (…) regolamenti adottati dal un’autorità non statuale in forza d’autonomo potere in materia che ripete la sua disciplina da leggi speciali in conformità dell’art. 3/2 delle disposizioni sulla legge in generale, onde, trattandosi di legittima fonte secondaria di produzione giuridica, va esclusa, al riguardo, qualsiasi lesione del principio di legalità, particolarmente considerando, altresì, come tanto le tipologie delle pene disciplinari quanto l'entità delle stesse tra un minimo ed un massimo, ove graduabili, siano prestabilite dalla normativa statuale".
Leggi la motivazione della sentenza
(05/07/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss