Il Garante per la protezione dei dati personali (parere 01.06.2005) ha stabilito che le schede che albergatori e gestori di pensioni compilano all'arrivo dei clienti, una volta inviate alle Autorità di Pubblica Sicurezza, non devono essere conservate. L'Autorità ha precisato che l'albergatore può solo conservare quei dati che possono serviegli a fini fiscali e contabili e che riguardano solo le generalità dei clienti e non anche la residenza e la data di arrivo. Infine, il Garante ha affermato che alla PS i dati vanno consegnati direttamente, senza il tramite di soggetti diversi.
Leggi il provvedimento del Garante
Condividi
Feedback

(06/07/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Bonus 600 euro anche ad avvocati e ordinisti: firmato decreto
» Il reato di maltrattamenti in famiglia nella giurisprudenza