Sei in: Home » Articoli

Cassazione SU: Sentenza preclusione prescrizione in caso di ricorso per cassazione inammissibile

Condividi
Seguici

L’intervenuta formazione del giudicato sostanziale derivante dalla proposizione di un atto di impugnazione invalido perché contrassegnato da uno dei vizi indicati dalla legge (art. 591, comma, 1, con eccezione della rinuncia ad un valido atto di impugnazione; art. 606, comma 3) preclude ogni possibilità sia di far valere una causa di non punibilità precedentemente maturata sia di rilevarla di ufficio. L’intrinseca incapacità dell’atto invalido di accedere davanti al giudice dell’impugnazione viene a tradursi in una vera e propria absolutio ab instantia, derivante da precise sequenze procedimentali, che siano in grado di assegnare alle cause estintive già maturate una loro effettività sul piano giuridico, divenendo altrimenti fatti storicamente verificatisi ma giuridicamente indifferenti per essersi già formato il giudicato sostanziale.
(Cassazione - Sezioni Unite Penali, Sentenza 22 marzo - 22 giugno 2005, n.23428: Ricorso per cassazione inammissibile - Prescrizione del reato maturata prima della sentenza di appello - Irrilevanza).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(06/07/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Cannabis light: via libera alla vendita dal 2020
» Telecamere in condominio: il vademecum della Corte Ue

Newsletter f t in Rss