Sei in: Home » Articoli

Tribunale Latina: Decreto no alla trascrizione del matrimonio di coppia omosessuale in Italia

Due soggetti dello stesso sesso hanno promosso ricorsi avanti il Tribunale di Latina per chiedere la trascrizione del proprio matrimonio contratto in Olanda, a fronte del rigetto dell'Ufficiale dello stato civile. Secondo il Tribunale, riunitosi in camera di consiglio, il rifiuto dell'Ufficiale č legittimo, posto che "Elemento essenziale per poter qualificare nel nostro ordinamento la fattispecie "matrimonio" č la diversitā del sesso dei nubendi ed in tal senso si č pronunciata la Corte di Cassazione che nel distinguere "in subiecta materia" la categoria dell'inesistenza da quella della nullitā, ha precisato che ricorre l'ipotesi dell'inesistenza quando manchi quella realtā fenomenica che costituisce la base naturalistica della fattispecie, individuandone i requisiti minimi essenziali nella manifestazione di volontā matrimoniale resa da due persone di sesso diverso davanti ad un ufficiale celebrante". Non solo: "Allo stato dell'evoluzione della societā italiana, il matrimonio tra persone dello stesso sesso contrasta con la storia, la tradizione, la cultura della comunitā italiana, secondo una valutazione recepita dal legislatore e trasfusa nelle norme di legge, sia di rango costituzionale sia ordinarie, giā ripetutamente richiamate, di cui il giudice deve essere solo fedele interprete, indipendentemente dalle sue convinzioni personali, e che nessuna interpretazione evolutiva, pure ove fosse in sintonia con il comune sentire, potrebbe, oltre certi limiti, superare". (Tribunale di Latina, Decreto 31 maggio - 10 giugno 2005: Matrimonio tra individui dello stesso sesso contratto all'estero - Trascrizione nei registri dello stato civile - Rifiuto - Legittimitā).
Leggi il provvedimento su www.Filodiritto.com
(29/06/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Casa familiare all'ex anche se la figlia va all'universitā fuori cittā
» Arriva la riforma del processo civile
» Agevolazioni legge 104
» Arriva la riforma del processo civile
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali

Newsletter f g+ t in Rss