Sei in: Home » Articoli

Cassazione: tutela giuridica del convivente more uxorio

Condividi
Seguici

Il convivente more uxorio che chiede il risarcimento dei danni derivatigli a causa della lesione materiale cagionata alla persona con cui convive dalla condotta illecita del terzo, "deve dimostrare l’esistenza e la portata dell'equilibrio affettivo – patrimoniale instaurato con la medesima". E' quanto hanno di recente affermato i giudici della Corte (Sent. n.8976/05) precisando che "per poter essere ravvisato il vulnus ingiusto a tale stato di fatto, deve essere dimostrata l’esistenza e la durata di una comunanza di vita e di affetti, con vicendevole assistenza materiale e morale". Non è infatti sufficiente a tal fine, continuano sempre i giudici della Corte, "la prova di una relazione amorosa, per quanto possa esser caratterizzata da serietà di impegno e regolarità di frequentazione nel tempo, perchè soltanto la prova della assimilabilità della convivenza di fatto a quella stabilita dal legislatore per i coniugi può legittimare la richiesta di analoga tutela giuridica di fronte ai terzi".
(07/06/2005 - Avv.Francesca Romanelli)
In evidenza oggi:
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati
» Arriva l'avvocato istruttore
» Il patto commissorio - guida legale
» Mantenimento: niente reato per il padre che riduce da s l'assegno al figlio
» La Famiglia nel Diritto: 3 Crediti Formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss