Sei in: Home » Articoli

Oltre agli sci, il buon senso: le principali norme per la sicurezza sulle piste innevate

Limiti di velocitÓ e rispetto della segnaletica per evitare sanzioni civili e penali

Avv. Laura Bazzan - Dalle "Norme di Condotta dello Sciatore e del Fondista" diramate dalla Federazione Internazionale Sci alla L. n. 363/2003 in materia di sicurezza nella pratica non agonistica degli sport invernali da discesa e da fondo, il decreto del 20.12.2005 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti contiene nel proprio "Decalogo comportamentale dello sciatore" una sintesi delle principali regole studiate per lo sci alpino, per lo snowboard e per lo sci di fondo, al fine di prevenire gli infortuni sulla neve.

Il decalogo, cui gli esercenti le aree sciabili sono tenuti a dare ampia informazione, costituisce un codice di condotta per gli utenti e disciplina, in particolar modo, i limiti di velocitÓ e le precedenze sulle piste, imponendo l'obbligo di indossare il casco agli sciatori e snowboarder infraquattordicenni. L'osservanza delle predette norme, unita al rispetto della segnaletica presente sugli impianti di risalita e nelle aree destinate allo sci, Ŕ utile ad evitare responsabilitÓ di natura civile e penale salvaguardando al contempo l'incolumitÓ delle persone e l'integritÓ delle cose. Ne proponiamo di seguito il contenuto integrale:

1. Rispetto per gli altri. Ogni sciatore deve comportarsi in modo da non mettere in pericolo altre persone o provocare danni.

2. Padronanza della velocitÓ e del comportamento. Ogni sciatore deve tenere una velocitÓ e un comportamento adeguati alla propria capacitÓ nonchÚ alle condizioni generali della pista, della libera visuale, del tempo e all'intensitÓ del traffico.

3. Scelta della direzione. Lo sciatore a monte che ha la possibilitÓ di scegliere il percorso deve tenere una direzione che eviti il pericolo di collisione con lo sciatore a valle.

4. Sorpasso. Il sorpasso pu˛ essere effettuato (con sufficiente spazio e visibilitÓ), tanto a monte quanto a valle, sulla destra o sulla sinistra, ma sempre ad una distanza tale da evitare intralci allo sciatore sorpassato.

5. Immissione ed incrocio. Lo sciatore che si immette su una pista o che riparte dopo una sosta, deve assicurarsi di poterlo fare senza pericolo per sÚ o per gli altri; negli incroci deve dare la precedenza a chi proviene da destra o secondo indicazioni.

6. Sosta. Lo sciatore deve evitare di fermarsi, se non in caso di necessitÓ, nei passaggi obbligati o senza visibilitÓ. La sosta deve avvenire ai bordi della pista. In caso di caduta lo sciatore deve sgomberare la pista al pi¨ presto possibile.

7. Salita. In caso di urgente necessitÓ lo sciatore che risale la pista, o la discende a piedi, deve procedere soltanto ai bordi della stessa.

8. Rispetto della segnaletica. Tutti gli sciatori devono rispettare la segnaletica prevista per le piste da sci ed in particolare l'obbligo del casco per i minori di 14 anni.

9. Soccorso. Chiunque deve prestarsi per il soccorso in caso di incidente.

10. Identificazione. Chiunque sia coinvolto in un incidente o ne Ŕ testimone Ŕ tenuto a dare le proprie generalitÓ.

(01/12/2016 - Avv.Laura Bazzan)
In evidenza oggi:
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione
» Telefonino alla guida: al vaglio il ritiro della patente
» Malattie professionali: quali sono riconosciute dall'Inail
» Fisco pignora 300mila euro: Codacons a rischio chiusura
» Avvocati: cosa non va detto al collega per non rischiare una sanzione

Newsletter f g+ t in Rss