Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la cd. mano morta legittima il licenziamento se non è scherzosa

La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione (Sent. 9068/2005), ha stabilito che la cd. "mano morta" sul posto di lavoro, posta in essere dal dipendente, se non ha un'apparenza scherzosa, mette a rischio il suo posto di lavoro. I Giudici del Palazzaccio hanno infatti precisato che in tali casi, l'azienda può legittimamente chiedere il licenziamento del dipendente troppo libertino in quanto il suo comportamento ha compromesso la libertà sessuale degli altri dipendenti. Con questa decisione la Corte di Cassazione ha ribaltato due precedenti sentenze che avevano reintegrato un dipendente che troppo spesso si lasciava andare ad atteggiamenti troppo libertini con i colleghi, portando in campo le norme poste a tutela della libertà sessuale, finalizzate a reprimere le molestie arrecate nei luoghi di lavoro.
(23/05/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Pensioni donne: arriva la riduzione fino a 2 anni per chi ha figli
» Isee precompilato: obbligatorio da settembre 2018
» Assicurazione avvocati: i vantaggi della polizza CNF e come aderire
» Documenti: per quanto tempo vanno conservati?
» Il TFR in busta paga - Guida con fac-simile di richiesta
In evidenza oggi
Avvocati e professionisti in piazza per l'equo compensoAvvocati e professionisti in piazza per l'equo compenso
Condominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzatoCondominio: spese manutenzione ascensore sostenute anche dai proprietari delle cantine e del piano rialzato
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF