Sei in: Home » Articoli

Trasferimento del lavoratore dipendente: la tesi estensiva

Condividi
Seguici

L’art. 33, quinto comma, della legge 5.2.1992, n. 104, secondo cui "il genitore o il familiare lavoratore, pubblico o privato, che assista con continuita’ un parente o affine entro il terzo grado handicappato, ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede piu’ vicina al proprio domicilio e non puo’ essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede" va interpretato nel senso che ci si riferisce a situazioni in cui il dipendente sia il fondamentale punto di riferimento per l’assistenza del disabile, quanto meno sotto il profilo della costante organizzazione e supervisione delle cure necessarie, delle buone condizioni di vita e delle relazioni affettive, anche senza assumere necessariamente in proprio l’intera effettuazione materiale dell’assistenza stessa (nota a cura dell'avv. Luigi Viola, staff di la previdenza.it).
Tar Lazio, Sezione I Quater, sentenza 10 febbraio 2005 n° 2387
(06/05/2005 - Laprevidenza.it)
In evidenza oggi:
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Codice della strada: arriva la riforma
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Legittima difesa in vigore: ecco come cambia il codice penale
» Reddito di cittadinanza, c' la seconda ricarica

Newsletter f t in Rss