Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il termine per il disconoscimento della paternitā decorre dalla nascita del figlio

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sentenza 25.02.2005 n. 4090) ha stabilito che per la proposizione della domanda di disconoscimento della paternitā, la decorrenza del termine va individuata nel momento della nascita del figlio. I Giudici del Palazzaccio hanno precisato che č per l'appunto da questa data "e non da quella di raggiunta 'certezza' negativa sulla paternitā biologica, che inizia a decorrere l'anno entro il quale va introdotto il giudizio di disconoscimento da parte del padre ai sensi dell'art. 235, co. 1 n. 3 e dell'art. 244, co.
2, cod. cod. civ., come additivamente emendato con sentenza n. 134/1985 della Corte costituzionale" e che "una una diversa esegesi del suddetto art. 244 - che, come sostanzialmente preteso dal ricorrente, differisse a tempo indeterminato l'azione di disconoscimento, facendone decorrere il termine di proponibilitā dai risultati di una indagine (stragiudiziale) cui non č dato a priori sapere se e quando i genitori possano addivenire - sacrificherebbe in misura irragionevole i valori di certezza e stabilitā degli statua e deirapporti familiari, a garanzia dei quali la norma č viceversa predisposta".
Leggi la sentenza
(19/04/2005 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Conto corrente: i limiti al pignoramento delle somme versate dall'Inps
» Mantenimento non dovuto al figlio che non vuole lavorare
» Il marito non ha il diritto di soddisfare i suoi istinti sessuali
» Condono fiscale 2019: come funziona la sanatoria
» Sė al pernotto dal papā anche se la mamma non vuole

Newsletter f g+ t in Rss