Sei in: Home » Articoli

Risarcimento del danno e prededuzione

Condividi
Seguici

Alla ragione di credito che trovi il suo fondamento in un inadempimento verificatosi durante l'amministrazione controllata ed in relazione ad un contratto la cui prosecuzione sia prevista come modalità di attuazione della procedura medesima, va riconosciuta la natura prededucibile dovendosi avere riguardo al momento in cui il fatto generatore della responsabilità è venuto in essere e non invece a quello, anteriore allÂ’apertura della procedura, del sorgere del vincolo negoziale né sussiste plausibile ragione per discriminare, in tale contesto, le ragioni di credito di natura risarcitoria rispetto alle altre, stante la necessità di valutare in modo unitario le obbligazioni scaturenti dalla medesima fonte negoziale. Art. 111 l.f. La norma di cui allÂ’art. 59 l.f. è applicabile a tutti i crediti per i quali la quantità di moneta legale è soggetta a variazioni fra i quali rientrano anche quelli denominati in valuta estera. Art. 59 l.f.
Nella decisione
(20/03/2005 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sequestro del Tfr all'ex marito che non paga il mantenimento
» La madre risarcisce il figlio per avergli impedito di vedere il padre
» Il reato di maltrattamenti in famiglia
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Codice della strada: arriva la riforma

Newsletter f t in Rss